darktable page lede image
darktable page lede image

Georeferenziazione

2.3.9. Georeferenziazione

Usa questo pannello per importare e applicare dati di tracciato GPX su una selezione di immagini. Si può aggiungere una compensazione oraria ai tracciati GPX esistenti, per correggere le differenze orarie tra la fotocamera e il ricevitore GPS. Altrimenti si possono aggiungere manualmente i dati geografici nella vista Mappa (vedi Capitolo 5, Mappa).

2.3.9.1. Uso

Un ricevitore GPS calcola la sua posizione corrente grazie alle informazioni che riceve dai satelliti e la registra all'interno di un file GPX unitamente alla data e ora correnti. I dati Exif delle immagini contengono anche un valore temporale definito dalle impostazioni della fotocamera. darktable legge la data/ora dell'immagine, cerca una posizione sul file GPX in quel momento e scrive le coordinate (latitudine/longitudine/altitudine) sul proprio database e sul file sidecar XMP dell'immagine.

Potrebbero esserci due problemi. Al contrario dei sistemi GPS molte fotocamere non calcolano il tempo in modo accurato. Oppure l'ora salvata all'interno dei dati Exif non è collegata ad un fuso orario. La maggior parte delle persone impostano l'ora della propria fotocamera sull'orario locale mentre i sistemi GPS registrano il tempo in formato UTC (Universal Time Coordinate/Coordinate in Tempo Universale) ovvero relativamente all'ora di Greenwich (Londra). Nel caso in cui i fusi orari della fotocamera e del file GPX fossero diversi, l'attribuzione di una posizione GPS sarebbe ovviamente sbagliata.

Se la vostra immagine viene etichettata con l'ora in modalità UTC allora potete applicare tranquillamente i dati raccolti sul file GPX senza alcun aggiustamento.

Diversamente occorrono due passaggi per uniformare l'ora della fotocamera a quella del ricevitore GPS: prima l'offset (compensazione), quindi il fuso orario.

Per annullare lo slittamento dell'orario della fotocamera potete inserirlo manualmente nel campo «Compensazione oraria » o lasciare che sia darktable a calcolarlo. Tutto ciò di cui avete bisogno è un'immagine che visualizzi un orario affidabile.

Potete averla ottenuta fotografando un orologio preciso o, ancora meglio, l'ora visualizzata sul vostro ricevitore GPS (normalmente potrete leggere l'orario locale anche se lo strumento lo registra in formato UTC).

Una volta selezionata questa immagine cliccate sul pulsante (lente di ingrandimento) e darktable vi presenterà una finestra di inserimento dati. Scrivete l'ora che vedete sull'immagine. Ora darktable potrà calcolare la differenza tra l'ora che avete scritto e quella associata ai dati Exif dell'immagine stessa.

Ora cliccate su tutte le immagini che volete georeferenziare quindi premente il pulsante «Applica » (rappresentato da un segno di spunta). Questa operazione modificherà il tempo memorizzato nel database interno di darktable per tutte le immagini selezionate. Questo cambiamento verrà immediatamente visualizzato nel modulo Informazioni immagine sulla sinistra.

Ora potete applicare il tracciato GPX. Cliccate sul pulsante corrispondente e navigate nel filesystem per trovare il file GPX. Prima di confermare questo passaggio ricordate di selezionare il corretto fuso orario della vostra fotocamera nel menu a discesa.

Se fate errori durante la selezione dei fusi orari potete semplicemente ripetere l'applicazione del file GPX selezionando un fuso diverso.